CNA_Pesaro_Urbino_Pesaro2024
CNA_Pesaro_Urbino_POSITIVO

Cantieri edili, la proposta di CNA a Prefettura, Enti locali e di controllo “Protocollo di sicurezza anche per i grandi appalti privati”

PESARO – Relativamente al problema della sicurezza nei cantieri, e ai recenti tragici episodi di morti sul lavoro, CNA Costruzioni di Pesaro e Urbino lancia una proposta a Prefettura, Ispettorato del lavoro, Ast, Provincia ed Enti locali e a tutte le associazioni di categoria (sindacali dei lavoratori e datoriali).

L’associazione che raggruppa le piccole e medie imprese del settore dell’edilizia e dell’impiantistica propone di estendere l’applicazione di quanto previsto dal “Protocollo d’intesa per la promozione della legalità e delle Condizioni di sicurezza nel lavoro” firmato dalle parti nel 2020, non solo agli appalti pubblici ma anche per grandi interventi privati: tra questi i piani di lottizzazione; piani di recupero urbanistico che prevedono opere di urbanizzazione a scomputo degli oneri.

Chiediamo inoltre l’applicazione del Codice degli appalti pubblici (Dlgs 36/2023) a questi cantieri e a anche quelli in subappalto. Ci riferiamo in particolare a cantieri per importi contrattuali superiori a 516mila euro come previsto dall’articolo 10 bis del Decreto legge 21/2022 riguardante i Bonus fiscali 110 e il Sismabonus.

“Come CNA Costruzioni di Pesaro e Urbino – afferma il responsabile provinciale, Fausto Baldarelli – chiediamo che venga esteso il suddetto protocollo relativamente all’applicazione dei contratti di lavoro e, soprattutto, al rispetto delle norme sulla sicurezza nei cantieri edili in base a quanto prevede il Decreto legislativo 81/2008 (che regola la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro). Un passaggio fondamentale nel rispetto delle imprese regolari che operano sul territorio e per impedire nel contempo una concorrenza sleale e di dumping sociale da parte operatori del settore spesso spregiudicati e ai limiti della legalità che non rispettano queste norme”. 

CNA Costruzioni di Pesaro e Urbino ha già avviato nei mesi scorsi un confronto con l’Ispettorato del lavoro, con i funzionari del Dipartimento prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro dell’Ast ed Inail (nel mese di dicembre sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro si è tenuto un importante convegno a Fano), per sensibilizzare le imprese tanto i titolari quanto i dipendenti sul tema.

CNA Costruzioni di Pesaro e Urbino in collaborazione con Master Quality ed il suo direttore Massimiliano Luchetti, ha redatto un opuscolo dal titolo: Il lavoratore autonomo in edilizia: ruolo e responsabilità dell’impresa”, presto consultabile anche online. 

Ufficio Stampa CNA Pesaro e Urbino / Claudio Salvi

Altre notizie